A3I - Associazione Italiana Ingegneri dell'Informazione

Ingegneri per l'innovazione, qualità, sicurezza e competitività

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Messaggio
  • Direttiva EU sulla e-Privacy

    Questo sito usa i cookie per l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. In qualsiasi modo lo si usi si acconsente a che quei tipi di cookie vengano memorizzati sul proprio device.

AgID: ICT solo per professioni non regolamentate?!

Email Stampa PDF

L’AgID, Agenzia per l’Italia digitale, l’8 marzo scorso ha pubblicato le “Linee guida per la qualità delle competenze digitali nelle professionalità ICT”. Il documento rimarrà in consultazione pubblica fino al 26 aprile, per dare la possibilità a chiunque di inviare suggerimenti, modifiche e integrazioni alle diverse sezioni di cui la prima stesura si compone.

Al fondo di pagina 6 del suddetto documento (scaricabile in PDF) si trova quanto segue:

“Le professioni operanti nel settore ICT rientrano tra le professioni non regolamentate afferenti alla legge 4/2013 e al D.lgs 13/2013, la quali definiscono che un professionista può certificarsi, ove presente una norma, attraverso un Ente di Certificazione accreditato ISO 17024 sulla specifica norma. I profili sono definiti in modo dettagliato in termini di abilità, conoscenze e competenze che saranno valutate in modo puntuale come definito nella norma stessa. Le certificazioni secondo le norme UNI 11506 e UNI 11621-x sono le uniche norme valide per la legge 4/2013 per le professionalità operanti in ambito ICT. Gli ordini professionali possono cogliere l’occasione di tale profilazione per la riqualificazione dei professionisti iscritti all’ordine.”

Ma è proprio il contrario! Quanto affermato sopra contrasta con la definizione della professione di Ingegnere dell’Informazione (DPR 328/01), professione regolamentata (Legge 04/13) le cui attività sono esercitabili (Circ. CNI 94/13) solo da iscritti al Settore C dell’Ordine degli Ingegneri e sono elencate nell’articolo 46 dello stesso DPR: “la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo e la gestione di impianti e sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni”.

ICT in Inglese sta per Information and Communication Technology, tradotto in Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, ovvero tutto quello che riguarda le Tecnologie, hardware e software, che riguardano l’Informazione, in italiano “impianti e sistemi elettronici, di automazione e di generazione ed elaborazione delle informazioni” e la Comunicazione, ovvero “impianti e sistemi elettronici, di trasmissione delle informazioni”. In altre parole: chi opera nell' ICT svolge le attività descritte dal succitato art. 46, quindi esercitabili solo da Ingegneri abilitati ed iscritti all'Ordine.

E' fortemente auspicata la presa di posizione dell'Ordine degli Ingegneri contro le affermazioni AgID.

You are here Ti trovi qui: Home