A3I - Associazione Italiana Ingegneri dell'Informazione

Ingegneri per l'innovazione, qualità, sicurezza e competitività

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Messaggio
  • Direttiva EU sulla e-Privacy

    Questo sito usa i cookie per l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. In qualsiasi modo lo si usi si acconsente a che quei tipi di cookie vengano memorizzati sul proprio device.

Lo Statuto

Email Stampa PDF

ART. 1 - COSTITUZIONE SCOPI E ATTIVITA' DELL'ASSOCIAZIONE

E'  costituita  un'associazione  apolitica,  aconfessionale, senza limitazioni di durata  e  senza  fini di  lucro  denominata Associazione  Italiana  Ingegneri  dell'Informazione,  o più  brevemente  A3I, che  agisce  su  base nazionale ed internazionale.


A3I ha lo scopo di contribuire alla diffusione e all'avanzamento  delle  conoscenze  scientifiche,  tecniche  ed  organizzative  nel  campo dell'Ingegneria dell'Informazione. In  particolare,  A3I:

  • tutela, anche giuridicamente, la figura professionale dell'Ingegnere dell'Informazione;
  • ha la finalità di diffondere la cultura delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) in ambito mondiale come elemento di innovazione, di cultura, di sviluppo e benessere generale;
  • promuove l'equipollenza delle lauree di cui al punto 1 del Regolamento attuativo del presente Statuto (di seguito Regolamento);
  • promuove lo scambio di informazioni fra i suoi soci in merito alle tematiche proprie dell’Ingegneria dell’Informazione

A3I perseguirà i propri scopi svolgendo ogni attività compatibile con essi, quali, a titolo esemplificativo:

  • la diffusione negli ambienti istituzionali, accademici, amministrativi, bancari, sanitari, scolastici, scientifici, industriali e culturali italiani della conoscenza dei problemi, delle tecniche e dei risultati ottenuti in questo campo;
  • la promozione dell'attività di ricerca;
  • la costituzione e la partecipazione a gruppi di lavoro, anche finalizzati alla formulazione di testi normativi da sottoporre alle istituzioni competenti;
  • la  collaborazione con enti, pubblici o privati, nazionali o esteri, scientifici, tecnici o di documentazione aventi scopi analoghi al proprio ed in particolare con le associazioni di Ingegneri dell'Informazione di altri paesi;
  • la  promozione di eventi di formazione, aggiornamento e divulgazione nel campo dell'Ingegneria dell'Informazione;
  • l'organizzazione di un convegno annuale nonché di meeting, seminari, dibattiti e conferenze a livello nazionale e internazionale;
  • la  realizzazione e la diffusione di pubblicazioni e produzioni realizzate su qualsiasi supporto (audio, video, cd-rom, etc.).

A3I  potrà, inoltre, compiere  qualsiasi  attività mobiliare,  immobiliare ed economico  finanziaria, nonché tutti gli atti e le operazioni relative, ritenute necessarie e/o opportune al raggiungimento del proprio scopo.


ART. 2 - DEFINIZIONI

Ai  fini  di  quanto  disciplinato  nel  presente  Statuto  si  considerano valide  le  seguenti definizioni:

a)  Ingegneria  dell'Informazione:  area che comprende lo studio della trasmissione, dell'elaborazione, della conservazione e del trattamento dell'informazione in ogni sua forma (hardware e software), più in dettaglio: fanno parte dell'Ingegneria dell'informazione tutte le materie trattate nei corsi di laurea specificati al punto 1  del Regolamento, unitamente alle  relative apparecchiature ed applicazioni di concetti, tecnologie, sistemi e metodologie gestionali ed organizzative.

a)  Laurea (cosiddetta ”breve”):  titolo accademico rilasciato al termine di ogni percorso universitario, di durata inferiore ai 5 anni, elencato al punto 1 del Regolamento;

b) Laurea  Specialistica: titolo accademico rilasciato al termine di ogni percorso universitario, di durata pari o superiore ai 5 anni, elencato al punto 1  del Regolamento;

c)   Ingegnere   dell'Informazione: il professionista che autonomamente o all'interno di una qualsiasi organizzazione pubblica, o privata, si occupa di Ingegneria dell'Informazione avendo conseguito una Laurea o una Laurea Specialistica e che sia abilitato alla professione di Ingegnere dell'Informazione.

ART. 3 - I SOCI

L'Associazione è aperta  ad  ogni  persona  fisica e giuridica  che  sia  in  possesso  dei requisiti specificati nel seguito.

Categorie di soci

Sono previste le seguenti categorie di soci:

  • Socio Candidato: ogni persona fisica che, pur non avendo ancora conseguito tutti i requisiti necessari per accedere alla Categoria del socio frequentatore o ordinario, stia completando il percorso che lo porterà a conseguirli;
  • Socio Osservatore: ogni persona fisica che condivida i principi e le finalità dell'Associazione, pur non disponendo dei requisiti per esservi ammesso  all'interno delle altre Categorie;
  • Socio Frequentatore: ogni persona fisica che eserciti le attività inerenti l'Ingegneria dell'Informazione e che sia in possesso di una Laurea, o Laurea Specialistica, e di almeno un anno di esperienza professionale inerente l'Ingegneria dell'Informazione.
  • Socio Ordinario: ogni persona fisica che eserciti le attività inerenti l'Ingegneria dell'Informazione, che abbia almeno due anni di esperienza professionale inerente l'Ingegneria dell'Informazione e che sia in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti ulteriori:
  1. Laurea Specialistica;
  2. Laurea ed almeno quattro anni addizionali di esperienza professionale inerente l'Ingegneria dell'Informazione;
  3. Abilitazione alla professione di Ingegnere dell'Informazione;
  • Socio  Ordinario  Senior: ogni socio ordinario con Laurea Specialistica, purché iscritto da almeno 5 anni ed in regola con tutti i requisiti di appartenenza, può essere inserito in questa Categoria a riconoscimento di contributi rilevanti alla professione ed alle attività di A3I e secondo le  modalità pratiche (modulistica, punteggi,  etc.)  stabilite dal Consiglio Direttivo e ratificate dall'Assemblea per la valutazione delle domande pervenute;
  • Socio Onorario: una persona fisica che si sia distinta per chiara fama o particolari meriti o abbia promosso attività di rilievo nel settore dell'Ingegneria dell'Informazione su nomina del Consiglio Direttivo;
  • Socio Sostenitore: persone fisiche o Enti, Istituti, Dipartimenti Universitari, Aziende o organizzazioni affini interessate all'attività di A3I e che ne condividano  i principi e gli obiettivi.

Sulle richieste di iscrizione e sull'inserimento nelle singole Categorie di soci delibera il Consiglio Direttivo; nel caso di aspiranti soci stranieri, il Consiglio  Direttivo  valuta l'equipollenza dei titoli presentati.


Quote associative:

Il Consiglio Direttivo stabilisce anno per anno l'importo delle quote associative per ciascuna Categoria di soci con importi crescenti rispetto al seguente ordine delle Categorie di  soci:  candidato, osservatore, frequentatore, ordinario e ordinario senior, sostenitore. I soci onorari non sono soggetti al versamento delle quote associative.

I soci che non siano in regola con  il versamento delle quote associative sono considerati  in “stato  inattivo”  per un periodo massimo di tre anni consecutivi. I soci  in “stato  inattivo” non hanno diritto al voto in Assemblea,  ad  usufruire  dei  servizi  e  delle attività dell'Associazione e a ricoprire cariche negli Organi dell'Associazione.

Un socio che sia momentaneamente disoccupato, ma stia attivamente cercando occupazione come Ingegnere dell'Informazione,  può far  richiesta  di  essere  posto  in  “stato inattivo” e, conseguentemente, di   essere esonerato dal versamento della quota associativa – purché in regola col versamento sino a quel momento - conservando l'inserimento nella Categoria di appartenenza per un periodo massimo di due anni.

Il  Regolamento stabilisce  gli  eventuali  altri  casi  in  cui  i soci   possono   essere   esonerati  dal   versamento   della   quota   associativa   nonché  le modalità di pieno reintegro nella vita associativa dei soci in “stato inattivo”.

Esclusione:

Il Consiglio Direttivo  delibera  l'esclusione dei soci in caso di mancato versamento della quota associativa per tre (3) anni consecutivi.


ART. 4 – DIRITTI E DOVERI DEI SOCI


Diritti.

Tutti i Soci che siano in regola con i versamenti delle quote hanno diritto a:

  • partecipare agli incontri, manifestazioni, viaggi, riunioni indette da A3I, alle condizioni di volta in volta stabilite dal Direttivo;
  • ricevere gli atti ufficiali di A3I alle condizioni di volta in volta stabilite dal Direttivo;
  • sottoporre relazioni o memorie destinate alle riunioni e agli incontri;
  • frequentare le sedi;

Doveri.

I Soci nei rapporti sociali sono tenuti ad osservare il presente Statuto, i Regolamenti e le altre disposizioni che gli organi di A3I emanassero per disciplinare le attività della Associazione.

I Soci sono tenuti a versare la quota annuale di associazione nei modi, nei termini e nella misura all'uopo stabiliti dal Regolamento.


ART. 5 - ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Sono organi di A3I:

1)  l'Assemblea dei soci
2)  il Presidente
3)  il Consiglio Direttivo
4)  i Vicepresidenti
5)  il Collegio dei Probiviri
6)  i Revisori dei conti
7)  i Referenti di Area territoriale;
8)  il Segretario -Tesoriere
9)  i Gruppi di interesse e di lavoro

Tutte le cariche sociali sono ricoperte a titolo gratuito fatte salve le spese sostenute.

1) L'Assemblea

L'Assemblea  dei  soci  si  riunisce  almeno  una  volta  all'anno  per  l'approvazione  del bilancio  consuntivo  e  del  preventivo  finanziario.  Altre assemblee  possono  essere convocate  dal  Presidente  su  richiesta della  metà  dei  membri  del  Consiglio  Direttivo o da un terzo dei soci.

L'Assemblea delibera e formula direttive sull'andamento generale dell'Associazione. Ogni  socio onorario,   ordinario  o  ordinario  senior,  in  regola  con  il  versamento  della  quota sociale, ha diritto ad un voto.

I soci frequentatori possono designare collettivamente come loro rappresentante una persona che avrà diritto ad esprimere un solo  voto.  

I  soci  candidati,  osservatori,  sostenitori  non hanno diritto di voto.

Ogni  socio ordinario o ordinario senior può farsi rappresentare in Assemblea, mediante delega scritta, da un altro socio;  ogni delegato non può rappresentare più di tre soci.

L'Assemblea è valida  in  prima  convocazione  quando  sia  presente almeno  la  metà degli  aventi diritto al voto, in seconda convocazione qualunque  sia il numero dei presenti. Salvo  quanto diversamente  stabilito dalla legge e dal presente Statuto le deliberazioni dell'Assemblea sono valide ove risultino adottate a maggioranza dei presenti.

Delle  deliberazioni dell'Assemblea è redatto verbale sottoscritto dal Presidente e dal segretario verbalizzante, nominato in apertura dei lavori dal Presidente stesso anche fra i non soci. I verbali dell'Assemblea sono depositati nella sede organizzativa di A3I, nonché pubblicati sul sito Internet nell'area riservata ai soci.

L'Assemblea elegge, tra i soci ordinari senior che abbiano fatto pervenire al Consiglio Direttivo la propria candidatura entro 7 giorni dalla data delle elezioni  e nelle modalità indicate nel Regolamento, il Presidente, gli otto membri del Consiglio Direttivo e i loro supplenti, ed i tre componenti del Collegio dei Probiviri  e i loro supplenti.

I soci ordinari ed ordinari senior potranno esprimere tre preferenze. ll rappresentante dei soci frequentatori potrà esprimere tre preferenze.

Qualunque Assemblea è convocata con comunicazione del Presidente mediante mezzi che garantiscano la prova dell'avvenuto ricevimento (raccomandata  a.r.,  Fax o  messaggio  di  posta  elettronica con notifica  di  lettura), che indicherà data,  ora  e luogo della riunione, tanto per la prima che per la seconda convocazione, e l'ordine del giorno. La convocazione deve essere inviata ai soci almeno 15 giorni prima della data fissata.


2)  Il Presidente

Il   Presidente   dovrà   essere scelto tra i soci ordinari senior. Se quest'ultima condizione viene meno durante il mandato, il Presidente decade automaticamente ed il vice Presidente ne assume temporaneamente la carica convocando l'Assembla per l'elezione di un nuovo Presidente entro 60 giorni da quel momento.

Il Presidente resta in carica per tre anni ed in caso di rielezione non può rimanere in carica per più di due mandati consecutivi. Egli convoca e presiede le Assemblee dei soci e le riunioni del Consiglio Direttivo; rappresenta  A3I nei confronti di terzi ed in giudizio con firma libera.

Nei casi di estrema necessità ed urgenza, il Presidente potrà assumere provvedimenti di competenza del Consiglio Direttivo, con l'obbligo di  sottoporli alla ratifica del Consiglio stesso per mezzo di posta elettronica con notifica di lettura o in occasione di una riunione che dovrà essere convocata nei trenta giorni successivi.



3)  Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente e da otto membri eletti dall'Assemblea e si riunisce con cadenza almeno semestrale.

Gli otto membri del Consiglio Direttivo eletti in Assemblea sono scelti tra i soci ordinari senior ognuno resta in carica per tre anni ed in caso di rielezione non può rimanere in carica per più di tre mandati consecutivi.

Nel caso in cui nel corso di un mandato vengano a mancare uno o più membri, questi  verranno sostituiti dai   rispettivi supplenti e questi ultimi decadono dalla carica insieme agli altri.

Al Consiglio Direttivo spettano tutti i poteri per la gestione ordinaria e straordinaria di A3I (fatti salvi quelli espressamente riservati dalla legge o dal presente Statuto all'Assemblea) nonché l'esecuzione e l'attuazione  delle  delibere di quest'ultima, l'approvazione del Regolamento del presente Statuto l'esercizio di ogni altra facoltà ritenuta necessaria, utile od opportuna per il raggiungimento dei fini statutari.

Per la validità della riunione è necessaria la presenza di almeno cinque membri. Il Consiglio Direttivo delibera a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale  il voto del Presidente.

Alle  riunioni  del  Consiglio  Direttivo  assistono, senza diritto al voto, il Presidente uscente (Past President) ed il Segretario -Tesoriere.

E' ammessa  la  possibilità che le adunanze del Consiglio Direttivo si  tengano per teleconferenza o videoconferenza, a condizione che tutti i partecipanti possano essere identificati e sia loro consentito di ricevere, trasmettere e/o visionare documenti, seguire la discussione ed intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti affrontati.

Verificandosi  questi requisiti, la riunione del Consiglio si considererà tenuta nel luogo in cui si trova  il Presidente o il segretario verbalizzante; è ammessa la registrazione digitale se così decide il Consiglio.

Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente con avviso scritto inviato almeno otto giorni prima della seduta ovvero, in caso di urgenza, a mezzo telegramma, fax, messaggio di posta elettronica spediti almeno due giorni prima.   

L'avviso deve indicare giorno, ora e luogo di svolgimento della seduta e l'ordine del giorno dei lavori.

Le decisioni del Consiglio Direttivo possono essere adottate anche mediante consultazione  scritta, secondo  le  modalità stabilite dal Regolamento.

Le decisioni dei consiglieri, qualunque sia la  modalità di assunzione, devono essere trascritte senza indugio a cura del Presidente  nell'apposito libro, che può essere anche digitale.

La relativa documentazione è conservata da A3I.

Il Consiglio può delegare i propri poteri per il compimento di singoli atti o di categorie  di  atti  e/o affidare  lo  svolgimento  di  specifici  compiti  ad uno  o  più  soci ordinari o ordinari senior; in tali casi i delegati hanno la rappresentanza di A3I nei limiti dei poteri loro conferiti.   

Ciascun socio ordinario o ordinario senior delegato riferisce al Consiglio Direttivo o, se richiesto, in Assemblea relativamente all'attività svolta.


4)  I Vice Presidenti

Il  Consiglio  Direttivo, su proposta del  Presidente,  elegge tra  i suoi  membri  3  (tre) Vice  Presidenti che  restano  in carica per una durata pari a quella del Direttivo e possono essere rieletti.

I  Vice  Presidenti  assistono  il  Presidente nell'esercizio delle sue funzioni secondo quanto disposto dal presente Statuto. Il Vice  Presidente più anziano di A3I sostituisce il Presidente in caso di suo impedimento o assenza, in caso di parità di anzianità tra i due Vice prevarrà l'anzianità anagrafica.


5)  Il Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre soci ordinari senior eletti dall'Assemblea. Al suo insediamento, il Collegio dei Probiviri elegge il Presidente al proprio interno. Il Collegio può essere convocato dal suo Presidente, dal Presidente di A3I o da un membro del Consiglio Direttivo.

Per la validità della riunione è necessaria la presenza di tutti i componenti del Collegio; ogni decisione viene deliberata a maggioranza assoluta.

Il Collegio è chiamato ad esprimersi nel caso di controversie tra soci  o  tra  questi  e gli Organi di A3I, ovvero qualora alcuni soci cagionino danno ad A3I compiendo gravi inadempienze  rispetto  agli  obblighi  derivanti  dalla legge,  dal  presente  Statuto,  dal  Regolamento  e  dalle delibere degli Organi di A3I.

Nel caso in cui nel corso di un mandato vengano a mancare uno o più membri, questi verranno sostituiti dai rispettivi supplenti e questi ultimi decadono dalla carica insieme agli altri.

Il Collegio può sanzionare i soci mediante:

a) censura scritta,
b) sospensione per un periodo di tempo non superiore ad 1 anno,
c) espulsione.

Il  socio interessato può fare opposizione entro 15 giorni dalla comunicazione della sanzione. Il Collegio dei Probiviri in riunione con il Presidente di A3I ed un membro del Consiglio Direttivo,  designato dai componenti  dello stesso,  valuterà il ricorso del socio e determinerà la sanzione definitiva.

Per la  validità della riunione è necessaria la presenza di tutti i componenti del Collegio allargato come sopra; ogni decisione viene deliberata a maggioranza assoluta.

Per ogni riunione, viene redatto un verbale che deve essere depositato presso la segreteria di A3I.

Il Collegio dei Probiviri è chiamato a tutelare e certificare il corretto svolgimento di tutte le votazioni che si svolgono in sede di Assemblea.

I componenti del Collegio dei Probiviri non possono ricoprire altre cariche all'interno di A3I, se non quelle esplicitamente previste.



6)  I Revisori dei conti

Il Collegio dei Probiviri svolge anche le funzioni di Collegio dei Revisori dei Conti tra le quali, in particolare, il controllo sull'attività amministrativa e contabile di A3I, l'esame del preventivo finanziario e la formulazione in una apposita relazione delle proprie osservazioni e conclusioni in ordine al bilancio consuntivo.


7)  I Referenti di Area territoriale

I  Referenti di Area territoriale sono nominati dal Consiglio Direttivo su proposta del Presidente tra i soci ordinari o ordinari senior; possono,  tuttavia, essere valutate auto-candidature da parte di soci ordinari o ordinari senior.

In occasione della nomina il Consiglio Direttivo stabilisce l'estensione del territorio di competenza di ogni Referente.

Ogni  Referente di Area territoriale promuove la figura dell'Ingegnere dell'Informazione a livello locale, anche  rappresentando A3I nei confronti degli organi istituzionali locali, ed ha il compito di:

  • favorire  l'incontro  e  lo  scambio  culturale  tra  i  diversi  soci iscritti  in  ciascuna area;
  • incentivare la partecipazione alla vita associativa attraverso l'organizzazione di riunioni, meeting, ovvero incontri a tema su problematiche di interesse comune;
  • favorire l'iscrizione di nuovi soci;
  • monitorare e riportare al Consiglio Direttivo la situazione locale in riferimento alle attività dell'Ingegneria dell'Informazione.

I  Referenti di Area territoriale possono chiedere di partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo qualora vi sia la necessità di sottoporre specifiche problematiche di interesse rilevante. In tal caso, la partecipazione deve avvenire su approvazione del Presidente e previa motivata richiesta scritta.

I Referenti di Area territoriale possono proporre al Direttivo la costituzione di una Sezione locale secondo i criteri stabiliti in Regolamento.


8)  Il Segretario-Tesoriere

Il Segretario -Tesoriere è nominato dal Consiglio Direttivo tra i soci ordinari o ordinari senior ed ha i seguenti compiti:

  • è responsabile delle attività di segreteria e fissa, in accordo con i membri del Consiglio Direttivo, la sede operativa della segreteria;
  • coordina le procedure relative alle domande di ammissione ad A3I e al cambio di Categoria, riferendo al Consiglio Direttivo cui spettano le decisioni finali;
  • su delega del Presidente effettua il pagamento, in contanti, con bonifico o assegno bancario, circolare o postale, di somme, dovute a qualsiasi titolo da A3I con obbligo di richiedere la relativa ricevuta, fattura o quietanza liberatoria;
  • è custode del patrimonio di A3I, ne esige le rendite, riscuote le somme attribuite a qualunque titolo ad A3I da soggetti pubblici o privati, con facoltà di rilasciare la relativa ricevuta o quietanza liberatoria;
  • con la cointestazione del Presidente, o di un suo delegato, cura l'apertura di conti correnti postali o  bancari e di deposito di qualunque tipo ed effettua qualunque operazione bancaria, sia di provvista che di utilizzo di fondi, chiedendo l'intestazione della relativa documentazione a nome di A3I;
  • è responsabile nei confronti di A3I della regolare tenuta della contabilità e degli adempimenti di legge connessi alle attività economica di A3I;
  • predispone annualmente il bilancio consuntivo ed il preventivo finanziario, raccoglie il parere del Direttivo e lo espone all'Assemblea per l'approvazione;
  • realizza all'inizio di ogni anno la campagna per la raccolta delle iscrizioni coordinandosi,  se  necessario, con i Referenti di Area territoriale , riscuote  le  quote associative e sollecita direttamente o tramite i Referenti di Area territoriale i soci morosi.


Ogni  Segretario -Tesoriere è responsabile degli adempimenti connessi in riferimento al  tempo del mandato  espletato, non essendo trasferibili responsabilità e oneri in occasione di successione di cariche, mandati e/o gestioni diverse.

Il Segretario -Tesoriere partecipa a tutte le riunioni del Consiglio Direttivo, nonché di ciascun tipo di Assemblea.

9)  Gruppi di interesse e Gruppi di lavoro

L'attività di A3I può svolgersi attraverso la costituzione di Gruppi di Interesse e di Gruppi di Lavoro; sia gli uni, sia gli altri, hanno il compito fondamentale di promuovere la collaborazione, anche in modo non formale, tra specialisti di ICT mediante seminari, lavoro pratico presso centri appositi (Workshops), convegni e quant'altro possa favorire a sviluppare le conoscenze e lo «stato dell'arte» in campi specifici dell'Ingegneria dell'Informazione. I Gruppi di Interesse sono la forma iniziale di collaborazione fra persone interessate ad approfondire un tema specifico dell'Ingegneria dell'Informazione. I Gruppi di Lavoro possono avere origine dai Gruppi di Interesse quando la loro attività è sufficientemente consolidata oppure possono venire costituiti direttamente:

  • su richiesta di almeno 5 Soci che lo proporranno al Consiglio Direttivo al quale compete di deliberare in merito alla sua costituzione ed alle sue competenze programmatiche;
  • per iniziativa del Consiglio Direttivo.

Fanno parte del Gruppo tutti coloro che hanno manifestato per iscritto l'interesse a partecipare ai lavori; il Gruppo viene guidato da un Coordinatore che può essere:

  • eletto a maggioranza semplice fra i Soci che fanno parte del Gruppo;
  • nominato dal Consiglio Direttivo quando il Gruppo viene costituito per iniziativa del Consiglio Direttivo stesso.



ART. 6 – PATRIMONIO

Il patrimonio di A3I è costituito:

a)  dai beni mobili e immobili che diverranno di proprietà di A3I;
b)  da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
c)   da eventuali erogazioni, donazioni e lasciti.

A3I trae le sue risorse economiche per lo svolgimento della propria attività:

a)  dal reddito del patrimonio;
b)  dai proventi delle attività commerciali e produttive marginali;
c)  dalle quote associative;
d)  dai contributi di Enti pubblici e privati;
e)  dalle oblazioni di persone fisiche e giuridiche, pubbliche o private;
f)  da ogni altra    entrata economico -finanziaria che concorra a incrementare l'attivo.

Non sono ricevibili da A3I contributi che ne condizionino l'autonomia, l'attività e le finalità.

E' fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita di A3I, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.   

Durante la vita di A3I le predette poste dovranno essere impiegate per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

L'anno sociale e finanziario decorre dal primo di gennaio e si conclude il 31 dicembre. Entro il 30 maggio di ogni anno l'Assemblea dovrà ratificare il preventivo finanziario dell'anno in corso ed approvare il bilancio consuntivo di quello precedente; nei dieci giorni precedenti il preventivo finanziario e lo schema  di  bilancio consuntivo vengono depositati e messi a disposizione per la consultazione presso la sede organizzativa e pubblicati sul sito Internet nell'area riservata ai soci.

Il  preventivo di gestione deve contenere le previsioni delle entrate e delle uscite per l'esercizio annuale in corso.

Il bilancio consuntivo deve essere redatto con chiarezza e rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria di A3I ed il risultato economico dell'esercizio.



ART. 7 - SEDE DELL'ASSOCIAZIONE


La sede legale ed amministrativa di A3I è fissata a Montanaro (To) in via Parigi, n. 2.

Con deliberazione del Consiglio Direttivo possono essere istituite in Italia ed all'estero sedi secondarie, delegazioni o uffici.

Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria e viene effettuato con delibera del Consiglio Direttivo.


ART. 8 - MODIFICHE DELLO STATUTO

Non sono ammesse modifiche agli scopi di A3I espressi nell'art.1. Nel caso in cui non fosse più riscontrata la   legittimità e la realizzabilità  di tali principi, il Consiglio  Direttivo provvederà all'estinzione di A3I con le  modalità  di  cui all'art. 9.

L'Assemblea dei soci può apportare modifiche allo Statuto, purché:

  • le modifiche siano inserite nell'ordine del giorno dell'Assemblea;
  • i Soci siano avvisati almeno 45 giorni prima della data dell'Assemblea mediante mezzi che garantiscano la prova dell'avvenuto ricevimento (raccomandata  a.r.,  Fax o  messaggio  di  posta  elettronica con notifica  di  lettura);
  • le modifiche siano approvate almeno dai due terzi dei soci presenti in Assemblea.



ART. 9 - ESTINZIONE DELL'ASSOCIAZIONE

In caso di estinzione di A3I, verificatasi nei casi previsti dalla legge o decisa dalla maggioranza dei due terzi dei soci aventi diritto al voto in Assemblea, il Consiglio Direttivo nominerà un liquidatore e delibererà inoltre in ordine alla destinazione del patrimonio residuo.


ART. 10 - RINVIO

Per  tutto  quanta  non  previsto  nel  presente  Statuto,  si  fa  espresso  riferimento  alle norme vigenti in materia.

ART. 11 - NORME TRANSITORIE


In fase iniziale il Consiglio Direttivo di A3I è costituito dai Soci fondatori.

You are here Lo Statuto