A3I - Associazione Italiana Ingegneri dell'Informazione

Ingegneri per l'innovazione, qualità, sicurezza e competitività

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Messaggio
  • Direttiva EU sulla e-Privacy

    Questo sito usa i cookie per l'autenticazione, la navigazione ed altre funzioni. In qualsiasi modo lo si usi si acconsente a che quei tipi di cookie vengano memorizzati sul proprio device.

La gestione dell'Albo pretorio online è una privativa dell'ingegnere dell'informazione, di Massimo Marra

Email Stampa PDF

L’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69 ha introdotto per tutte le amministrazioni pubbliche l’obbligo della cosiddetta pubblicità legale online, conosciuta anche come Albo on-line. Il termine inizialmente previsto era il 1° gennaio 2010, poi prorogato di sei mesi e, infine, prorogato al 1° gennaio 2011.

Nella bozza di DPCM presentata dall'Associazione Nazionale per Operatori e Responsabili della Conservazione Digitale al ministro Brunetta lo scorso dicembre, si definisce  “Albo on-line: spazio accessibile senza formalità dalla pagina iniziale nel quale sono pubblicati i documenti relativi ad atti e provvedimenti che, in base all'ordinamento vigente o per scelta delle singole amministrazioni pubbliche, devono essere resi potenzialmente conoscibili a chiunque” ed ancora “sistema di gestione informatica dei documenti: insieme di procedure e di strumenti finalizzati ad assicurare un controllo sistematico sulla registrazione, classificazione, fascicolazione, gestione, assegnazione, reperimento, tenuta, selezione e conservazione dei documenti attraverso risorse di calcolo, apparati, reti di comunicazione e procedure informatiche”.

Ci si pone il quesito, in relazione alle numerose responsabilità civile e penali derivanti dalla gestione dell'Albo pretorio online, se siano necessarie specifiche competenza curriculari o professionali ovvero possa essere una responsabilità assegnabile a chiunque senza limitazioni di alcun tipo se non sulla base fiduciaria del dirigente responsabile del settore.

Questa definizione richiama molto da vicino quella di “impianto informatico”: un insieme complesso di componenti hardware e software che collaborano tra loro per fornire un insieme di servizi agli utenti e la definizione di “sistema di elaborazione”: un insieme di componenti hardware, firmware e software che permettono l´elaborazione delle informazioni eseguendo programmi di utente.

Il sistema di gestione informatica dei documenti è un sistema complesso le cui attività progettuale e gestionali rientrano pienamente nella regolamentazione normativa disposta dall'art. 46 del DPR 328/01 laddove si definisce come oggetto della professione di ingegnere dell'informazione “la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo e la gestione di impianti e sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni”.

Considerate le responsabilità civili e penali che derivano dall'utilizzo e dalla gestione dell'albo pretorio online, e alla luce dei riferimenti normativi addotti, ciascun Ente deve ricorrere, nella progettazione, collaudo e gestione dell'albo pretorio online a figure professionali specifiche.

Pertanto, affinché l'amministrazione pubblica osservi le privative normative deve:

  • nel caso di assegnazione di incarico di progettazione dell'albo pretorio online deve assegnare l'incarico ad apposito professionista iscritto all'ordine degli Ingegneri settore dell'Informazione;
  • subordirare l'entrata in esercizio dell'albo pretorio online all'acquisizione di specifica documentazione di collaudo del sistema informatico da utilizzare redatto da un professionista iscritto all'ordine degli Ingegneri dell'Informazione;
  • assegnare l'incarico di gestore del sistema informatico di Albo pretorio online a professionista iscritto all'ordine degli ingegneri dell'Informazione.

Laddove uno degli incarichi sopra indicati fosse assegnato a soggetto non in possesso della specifica abilitazione professionale, oltre che alla nullità del provvedimento e contestazioni all'amministrazione, sarebbe anche configurabile in capo alla persona individuata la violazione di cui all'art. 348 di esercizio abusivo di professione.

You are here Ti trovi qui: Home